Site Logo
giovedì 19 ottobre 2017
Cerca nel sito

Fauna in Val Nure e Val Chero

In Val Nure e Val Chero troviamo una notevole varietà di specie animali, dovuta principalmente alle grandi differenze nel paesaggio e nel clima tra le zone di pianura e quelle di montagna. L'alta valle, con i numerosi laghetti e le pozze rapprensenta un ambiente idoneo all'insediamento di anfibi e rettili. Tra questi si possono citare il Geotritone italiano, il Rospo comune, la Rana verde, la Lucertola, il Ramarro, la Biscia viperina e la Vipera. Anche l'avifauna è largamente rappresentata, con rapaci come Sparviere, Poiane, Aquile reali, Gheppi; ma anche Pernici rosse, Upupe, Capinere, Merli, Gazze, Picchi, Fringuelli. In base alle tracce si documenta la presenza di Volpi, Talpe, Tassi, Faine, Lepri, Conigli selvatici, Scoiattoli e Cinghiali.
  • Il Ghiro
    Piccolo roditore della famiglia dei Gliridi, ampiamente diffuso nelle nostre campagne, dalla pianura fino ai 1500 metri. E' un animaletto curioso, come lo scoiattolo corre e si arrampica sugli alberi, salta di ramo in ramo...
  • Il succiacapre
    Una scheda a cura dell'ornitologo Marco Mastrorilli. Ascolta l'audio con il "churring".
    Il torrente Nure nel tratto tra Ponte dell’Olio e Podenzano assume caratteri ambientali che costituiscono lo “scenario” perfetto per accogliere un animale che possiamo chiamare “il fantasma del fiume": il succiacapre.
  • Il Succiacapre o Fantasma del Nure
    Alla scoperta di un uccello raro e molto particolare che si può osservare nel Nure con una scheda dell'ornitologo Marco Mastrorilli.
  • Il geotritone
    Il geotritorne (speleomantes ambrosi) è un anfibio "poco anfibio" che si può incontrare negli sfasciumi di roccia umida, o in grottte e anfratti rocciosi umidi.
  • Il merlo acquaiolo
    Un bellissimo uccello, dall'aspetto molto curioso, caratterizzato da corpo tondeggiante, piumaggio compatto, coda breve e zampe prive di membrana.
  • La rondine montana
    I fiumi e i torrenti appenninici sono spesso attraversati da ponti, e presentano lungo le rive ripide pareti rocciose di arenaria. Sono questi i luoghi ideali per la nidificazione della rondine montana.
  • Gli zigoli
    La fascia collinare della provincia di Piacenza, caratterizzata da aree coltivate alternate a boschi, siepi, incolti e affioramenti rocciosi, è certamente il settore dove è più facile avvistare gli zigoli.
  • Il lupo
    Le faggete delle zone appenniniche negli ultimi anni sono ritornate ad ospitare un antico protagonista della vita della montagna: il lupo (canis lupus).
  • L'aquila reale
    I pascoli delle vette dell'Appennino da alcuni anni sono ritornati ad esser aree di caccia di uno dei rapaci più belli e maestosi di tutta l'avifauna: l'aquila reale.
  • L'assiolo
    Una scheda a cura dell'ornitologo Marco Mastrorilli
    Tra aprile e settembre, l'area golenale del Nure rappresenta l'habitat ideale per l'assiolo, un piccolo rapace notturno facilmente riconoscibile per la presenza di ciuffetti auricolari che a molti paiono orecchie.
  • Parco storico di Grazzano Visconti - Video
    Il parco storico di Grazzano Visconti è stato dotato di web cam per l'osservazione degli animali anche di notte.
Provincia di Piacenza: turismoIl canale YouTube Cuore Nure Chero per lo Iat Valnure Valchero
Privacy Policy
Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
Maggiori informazioniOK
- A +
© Tutti i diritti sono riservati
IAT Grazzano Visconti Val Nure e Val Chero - telefono: +39.0523.870997 - fax: +39.0523.870997 email: iat@valnure.info
powered by infonet srl piacenza